Per amore del caffè e del blues

Raccontato da Vito Cinque

23 Apr 2019

The San Pietro Life

"Siamo di fronte a un satanismo puro, se consideriamo che 'satan' in aramaico significa il capovolgitore. Siamo esattamente di fronte al capovolgimento dell'espresso. Le preparazioni in capsule non sono una caricatura, ma una parodia, una scimmiottatura del  vero caffè espresso. "- Gianni Frasi

Per amore del caffè e del blues - The San Pietro Life

Pensavo che il miglior caffè in Italia si potesse trovare solo a Napoli. Così quando ho assaggiato per la prima volta il caffè di Gianni Frasi al ristorante dei fratelli Alajmo, Le Calandre, a Padova, sono rimasto senza parole. Ho chiesto ai fratelli Massimiliano e Raffaele, se potevano mettermi in contatto con questo incredibile produttore di caffè. Seleziono solo il meglio per Il San Pietro e questo era, senza dubbio alcuno, il miglior caffè che avessi mai assaggiato. Hanno chiamato Gianni Frasi e lui ha accettato di darmi un appuntamento. A una condizione "Devi essere lì alle 7:15 del mattino sul secondo gradino di accesso alla fabbrica. Se sei in ritardo,  non ti sarà permesso entrare. '


La sera prima dell'incontro, i fratelli Alajmo, io e i miei amici, siamo andati a Venezia. Era febbraio, faceva freddo e c'era la nebbia, proprio come nei film, ma  abbiamo ugualmente preso una barca per spostarci tra i canali e andare in giro per i bar prima di approdare  alll'iconico Harry's Bar. Il proprietario, Arrigo Cipriani, ci stava aspettando e ha aperto una bottiglia del suo miglior champagne Krug, che ha accompagnato la cena con i classici dell'Harry's . Da lì, siamo passati all'hotel Monaco dove il barman ha preparato dei fantastici "negroni sbagliati", a cui hanno fatto seguito ottimi martini a concludere la serata.


Alle 4:00 eravamo letteralmente stesi e ho detto a Massimiliano: "Penso che dovremmo dover cancellare l'appuntamento per il caffè".


Mi ha detto, 'No no! Vito, se rinunci a questa opportunità, non ci sarnno altre  possibilità con Gianni e non avrai mai il suo caffè nel tuo albergo ."


Così guidammo da Venezia a Verona. All'epoca non c'era il limite di velocità, eravamo in ritardo (oltre che alticci) e sfrecciammo per l'autostrada con i finestrini abbassati perché l'auto non aveva l'aria condizionata. Ho bevuto acqua per tutto il tempo, cercando di smaltire la sbornia. Siamo arrivati ​​appena in tempo. Gianni era lì sui gradini in attesa di aprire le porte.


Guardandomi su e giù e indovinando che cosa fosse successo la sera prima, probabilmente pensò: "Ecco un giovane viziato di Positano con un hotel a cinque stelle che pensa di conoscere il caffè" e decise di darmi del filo da torcere. Voleva mettere alla prova il mio impegno e quanto del mio tempo e orgoglio ero disposto a sacrificare per avere il suo caffè.


Gianni era un grande oratore e una volta che ha iniziato a parlare, ci ha tenuti lì ad ascoltarlo tutto il giorno. Il caffè era più che una passione per lui, era una specie di ossessione. Era un alchimista, trasformando un materiale in qualcos'altro, creando l'espresso perfetto che nessun altro produttore poteva eguagliare. Ha spiegato come andava  dai coltivatori di caffè in Costarica, in Brasile e ad Haiti e dava loro i semi per alberi di caffè più puri enon geneticamente modificati. La pianta del caffè originale ha 36 cromosomi, mentre il caffè che molti bevono ne ha appena 16. Gianni paga questi coltivatori cinque volte di più dei grandi produttori per coltivare i suoi alberi a parte ed eclusivamente per lui. Gli arbusti sono forti, potresti annaffiarli con la benzina e continuerebbero a crescere. Questo è il segreto dietro la sua miscela densa e riccamente profumata.

Per amore del caffè e del blues - The San Pietro Life

Il mio rito di iniziazione è andato avanti per due giorni. Le idee di Gianni erano eclettiche, saltando da un soggetto casuale a un altro, dalla pizza a Gandhi a tutto il resto. Non era un tipo facile al primo acchitto. Occorreva entrare nel suo mondo e capire la filosofia dietro la sua passione. Fortunatamente Massimiliano mi aveva avvertito in anticipo: "Ascolta, segui le sue regole e fai qualsiasi cosa ti chieda". E così ho fatto.


Parlava mentre era seduto su una sedia simile a un trono e noi lo ascoltavamo pendendo dalle sue labbra. Quando Gianni non guardava nessuno dei due, Massimiliano sogghignava. Conosceva il dramma dell'iniziazione: era come entrare in una di quelle  confraternite all'università.


Alla fine dei due giorni, Gianni uscì con una campana tibetana. "Devo sentire le tue vibrazioni", disse. "Per vedere se sei una persona che emette vibrazioni positive o negative". Teneva la ciotola sul mio braccio sinistro, -sul lato del cuore- e faceva scorrere un bastone di legno attorno al bordo per farlo suonare. Quando iniziò a canticchiare melodicamente, disse, "Okay, hai superato l'ultimo test. Hai una buona vibrazione. Ora, se sei disposto a farmi venire al San Pietro per tre giorni per formare tutto il tuo staff, porterò le mie macchine da caffè Faema Ariete E61. Una volta formati, puoi avere il mio caffè. "


Ho accettato, ci siamo stretti la mano e me ne sono andato. Gianni è venuto al San Pietro per tre giorni con il suo assistente. Ha formato lo staff e trascorso un po 'di tempo per assimilare la bellezza di Positano e dell'albergo. Col tempo siamo diventati amici e dopo gli ho chiesto: 'Gianni, ho capito tutto dei due giorni con te, tranne a ciotola tibetana'


"Ascolta Vito," mi disse, "se qualcuno come te che vive a Positano  si prende la briga di venire a Verona dopo aver bevuto fino alle 4 del mattino a Venezia, rischia la sua vita per guidare fino a qui, aspetta sul secondo gradino di accesso alla fabbrica alle 7:15, ascolta tutte le mie cazzate mentre cerco di entrare nel suo cervello e non reagisce a nessuna di esse, di quale altra scusa potrei avvalermi se questo qualcuno non mi piace? Questa è l'ultima opportunità che ho per dire a qualcuno che ha superato  tutti i miei test, che non può avere il mio caffè. Dico solo che ha delle brutte vibrazioni. "


Gianni aveva prodotto caffè per oltre 40 anni e non era disposto aconcederlo facilmente. Era un purista che faceva il suo mestiere col cuore. Ha fatto cose per amore e passione, non per denaro, e non avrebbe mai compromesso questo ethos per nulla al mondo. Tutto questo mi è stato molto chiaro quando è venuto al San Pietro per partecipare a un concerto di beneficenza organizzato per l'ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Era un amante del blues e cantava nella sua band. La cantante israeliana Noa si è esibita per la raccolta fondi e Gianni è venuto con la sua band per suonare all'apertura del concerto. Ricordo che fece i gargarismi con il suo vino portato da casa. Era molto superstizioso e doveva avere lo stesso bicchiere, la stessa maglietta, la stessa bottiglia di vino prima di esibirsi, perché era di buon augurio per le sue corde vocali.


Anche se suonò  egregiamente, ci fu un piccolo neo. Gianni pensava che ci fosse troppa pubblicità intorno all'evento. "La carità dovrebbe essere fatta in silenzio," mi disse.


 'Sì Gianni, capisco.' gli diissi, "ma Noa è venuta gratis, tu stai venendo gratis, lo staff lavora gratis, un'impresa importante che non vuole essere nominata paga per il palco, quindi l'intero incasso va all'ospedale. Tuttavia, abbiamo bisogno di vendere i biglietti, e sicuramente Noa apprezza se le persone sentono parlare del suo concerto. Anche se non eravamo d'accordo su questo punto, apprezzai  il suo estremo senso di integrità e genuino altruismo.

Per amore del caffè e del blues - The San Pietro Life

Mi si spezzò il cuore quando seppi la notizia, lo scorso 6 dicembre, che Gianni Frasi era morto improvvisamente e inaspettatamente per insufficienza cardiaca. Era un uomo che ha sempre vissuto la vita al massimo, ispirando gli altri a perseguire la loro passione. Ci sono rimasti pochi produttori con il suo ethos in Italia, il che fa sentire la sua perdita ancora più grave. Il mio unico conforto è la consapevolezza che l'eredità di Gianni continuerà nella terza generazione di produttori Frasi con suo figlio, Simone, che ha cresciuto con lo stesso amore per il caffè che aveva lui.


Ricordo di aver visto Simone alla mia seconda visita alla fabbrica, ancora molto giovane ma che già lavorava con suo nonno alla torrefazione del caffè. Prima che Gianni rilevasse l'azienda di famiglia, suo padre era stato l'unico a scegliere e comprare i chicchi di caffè, tostandoli in tini giganti. Quando era diventato troppo vecchio per vedere bene i chicchi, li faceva scorrere attraverso le dita. "So quando i chicchi sono ben  tostati dal loro peso e dal suono che producono."  Ho capito quindi che questa storia di orgoglio e passione per il loro mestiere e la qualità del marchio Jamaica Coffee che oggi conosciamo, continueranno per molte generazioni future.


Ed è per questo che ogni giorno al San Pietro ci sforziamo di ottenere l'espresso perfetto che il nostro amico Gianni Frasi avrebbe voluto bere.

Per amore del caffè e del blues - The San Pietro Life

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SU

Iscriviti alle nostra newsletter
Non perdere il meglio di Positano

Ho letto l'Informativa sulla Privacy ed autorizzo il trattamento dei dati personali *