10 Ago 2019

The San Pietro Life

Come reinventare la stanza più iconica di San Pietro, assicurandosi che il fascino che ha colpito Tina Turner, Julia Roberts e Barbra Streisand rimanga immutato? Come custodire il passato, guardando al futuro? La risposta è semplice: non è una cosa facile. 

 - The San Pietro Life

La leggendaria Camera 59 è una delle più famose e iconiche della Costiera Amalfitana, emblema  di un fascino  particolare che il suo design spazioso ha sapientemente trasmesso. E’ stata da subito un simbolo, rinomata per l'epoca in cui venne realizzata. Ma col tempo, esigenze e aspettative degli ospiti sono cambiati. La suite doveva necessariamente essere rinnovata e la sua ristrutturazione ha offerto una sfida unica e affascinante.

Collaborando con gli architetti Fausta Gaetani, Vivia Benini, Gaia Meriggioli e Ornella Ornaghi, la terza generazione dei proprietari del San Pietro, i fratelli Vito e Carlo Cinque, hanno rimodulato completamente i 125 mq, preservando gli elementi di continuità con l'originale.

'La stanza deve essere fresca, unica e moderna.'

'Sì, ​​ma dovrebbe rimanere iconica’

 'Deve essere comoda e accogliente. Un luogo che due persone possono condividere, offrendo allo stesso tempo la massima privacy. "

'Come uniamo tutti gli elementi: le piastrelle di terracotta, il marmo, il simbolismo della suite e della Costa?'

'Dovrebbe essere un omaggio a ciò che è accaduto prima e allo zio Carlino che l’ha concepita. Se fosse ancora qui, alla stessa età, con il budget che abbiamo, cosa gli sarebbe piaciuto creare? "

Hanno riflettuto attentamente su quali aspetti abbiano reso la suite così originale: l’enorme vasca da bagno in marmo installata da Carlino, il tavolino con il pesce che nuota all'interno,  la nozione che l’albergo è sul mare ma anche su una scogliera.

È così che è maturata l’idea di un tema marino.

 - The San Pietro Life

Stelle marine, intarsiate e non dipinte, fluttuano sulle pareti, negli specchi o -insieme ai ricci, nel pavimento in cotto smaltato che stilizza le onde delicate del mare su cui la suite si affaccia in più punti. Tessuti verde acqua e acquamarina, vetro soffiato blu e lampadari a conchiglia enormi: tutto evoca la geografia costiera dell'albergo. Un giocoso pannello/acquario in tre parti f da testata all’ampia letto: è dipinto a mano da un noto artigiano di Raito.

"Fai finta di essere Chagall." consigliò Vito all'artigiano, Lucio. 'Bevi cinque litri di vino, fuma una canna e inizia a dipingere una rappresentazione del mare.' Ed è esattamente quello che ha fatto. Ha anche progettato e prodotto in esclusiva una serie di ceramiche uniche e a tema.

 - The San Pietro Life

La doccia aperta, con una finestra ad arco che si affaccia sul mare, esalta la naturale luminosità del marmo bianco, mentre le candele  creano un effetto di luce soffusa. Al centro del secondo bagno con la roccia esposta, si trova un'elegante vasca da bagno, ispirata ai modelli tradizionali giapponesi, con angoli bianchi arrotondati.

La suite occupa un intero piano, con un ingresso privilegiato alla piscina panoramica e accesso diretto tramite ascensore. Mantenendo un attento equilibrio tra estetica e funzionalità, il rinnovamento dell'iconica Suite 59 è stato un vero atto d'amore. Non c'è da meravigliarsi che Vito e Carlo abbiano deciso di rinominarlo "Virginia Suite", in onore della madre che ha lavorato al San Pietro sin dall’apertura.

"Ringraziamo sempre i membri della famiglia che ci hanno dato la possibilità di fare ciò che facciamo ora e rendere Il San Pietro quello che è oggi", ha detto Carlo. 'I ristoranti Carlino e Zass prendono il nome dai nostri zii. Questa volta è il turno della mamma."

La Virginia Suite è una sintesi della dedizione del San Pietro Hotel alla bellezza, al comfort e all'eccellenza e un riconoscimento tangibile della donna che ha contribuito al suo mito.

 - The San Pietro Life

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SU

Iscriviti alle nostra newsletter
Non perdere il meglio di Positano

Ho letto l'Informativa sulla Privacy ed autorizzo il trattamento dei dati personali *